Follow Us

Follow us

CONTATTACI PER INFORMAZIONI

GO UP
Image Alt

Annunciata

Convento dell'Annunciata

Il Convento dell’Annunciata sorge lungo l’antica via Valeriana che da Gorzone sale fino a Borno,
su un ampio terrazzamento del versante montano posto a destra del fiume Oglio, a circa 700 metri di altitudine, da cui si gode un panorama spettacolare che spazia dal Pizzo Camino al lago d’Iseo.
Esso costituisce uno dei gioielli più preziosi del patrimonio architettonico, artistico e spirituale della Valcamonica ed è immerso in un ambiente particolarmente favorevole in cui cresce un elevato numero di piante autoctone, grazie al clima temperato dalla vicinanza del lago d’Iseo, oltre che dalla felice esposizione al sole.

La storia del convento

L’origine del convento risale alla seconda metà del XV secolo, quando un frate francescano, il beato Amedeo Mendes o Meneses da Silva, che aveva già fondato vari conventi nell’Italia settentrionale, venne invitato da due frati francescani terziari – che vivevano da eremiti nei pressi della chiesetta campestre dedicata ai santi Cosma e Damiano – a proseguire l’opera di costruzione del convento da loro avviata, dopo che avevano ottenuto la relativa autorizzazione da parte del papa.
La gestione del convento venne affidata da Amedeo a dei confratelli, denominati Amadeiti; ad essi subentrarono prima gli Osservanti e poi i Riformati; dopo un periodo di chiusura nella prima metà dell’ottocento, dovuta alla legislazione napoleonica, si insediarono i Cappuccini, i quali ne sono tuttora i custodi.

Il complesso del convento

Passando dalla chiesa o dal portone che immette nel primo chiostro, è possibile visitare la cella in cui ha vissuto per una quindicina d’anni il beato Innocenzo da Berzo e un piccolo museo a lui dedicato.
Oltre al complesso di locali (camere, refettorio, biblioteca …) distribuiti attorno a due chiostri e utilizzati dai frati, vi sono edifici adibiti all’accoglienza degli ospiti (fra cui un bar, in cui sono in vendita oggetti sacri) e un giardino con una serra, oltre il quale vi è un belvedere accessibile al pubblico da cui è possibile vedere l’ampio panorama della Valle.

La Chiesa e i dipinti principali

Nella chiesa si possono ammirare dipinti di varie epoche storiche: nell’abside del coro, che costituiva probabilmente la cappella originaria del convento, vi sono i pregevoli affreschi di Giovan Pietro da Cemmo, risalenti al 1475, che rappresentano gli episodi più rilevanti della vita di Maria, tra cui spicca l’Annunciazione, a cui il convento è dedicato. Altri affreschi di un periodo successivo (intorno al 1485), attribuibili sempre a Giovan Pietro da Cemmo, si trovano sulle volte e sulle pareti del portichetto che separa il coro dalla parte restante della chiesa.
Sulla grande parete che si trova di fronte alla navata dei fedeli vi è una composizione di affreschi realizzati da un autore ignoto – dedicati alla vita di Cristo, al cui centro vi è la Crocifissione. Lo stile espressionistico con cui sono rappresentati i personaggi esercita un notevole impatto emotivo sui fedeli e sui visitatori.
Nelle cappelle e sulle pareti della chiesa si trovano varie opere realizzate con temi, simbologie e linguaggio tipici del periodo della Controriforma.

L’attività del convento oggi

In seguito alla realizzazione della strada di collegamento con Ossimo Inferiore, avvenuta nei primi anni sessanta del secolo scorso, il convento è divenuto una meta che attira non solo gli abitanti dei paesi vicini come già avveniva nel passato, ma anche turisti curiosi e fedeli da varie zone d’Italia. Molto frequentate sono le messe, in particolare quelle dei giorni festivi, e le celebrazioni che si svolgono in occasione delle ricorrenze del Perdono d’Assisi (2 agosto) e del beato Innocenzo da Berzo (la domenica successiva al 2 agosto).